Alicia Antich

La mano di Galileo

           

La mano de Galileo imprime movimiento a trompos de cristal que contienen tinta.

En su camino circular van dejando rastros de colores que le permiten al genio científico cavilar sobre la ley de gravedad.

El 22 de junio un gran mural sobre la pared exterior de la galería Arti3160 es testigo de la experiencia y sobre una mesa se dispondrá una cancha de trompos para permitir a los visitantes que realicen idéntica prueba.

Por la acción gravitatoria de los trompos, El resultado quedará impreso en papel y- con tintas de colores- la huella de sus caminos azarosos.

Biografia

Artista visuale, ricercatore e insegnante delle Scuole medie dell’Universidad Nacional del Sur, Argentina.

Dagli anni ’90 partecipa a mostre e spettacoli nazionali ed internazionali: ArteBA; ArtMiami; Museo Sívori; Sala Nazionale del Palais de Glace; Centro Culturale di Spagna a Buenos Aires; DC Recoleta; DC Borges; Fundacruz; Museo di Arte Contemporanea, Museo di Belle Arti e FerroWhite, Bahía Blanca, Argentina. Museo Centrale del Tessile, Polonia; Scuola di Arte e Mestiere, Vicenza e SS Cosma e Damiano, ArtiSM, Museo del Vetro, Murano- Venezia; Universitá La Sapienza, Roma, Italia; MOMA PS1, New York, USA; Libreria La Rayuela, Berlino, Germania e in gallerie in Spagna, Italia, Olanda, USA.

Nel 2003 ha ottenuto una borsa di studio dal National Endowment for the Arts e ha svolto uno stage presso la Biblioteca di Storia della Scienza-IMSS- a Firenze, Italia (è tornato nel 2013), prendendo contatto con concetti di G.Galilei. Riceve senza disciplina il 1 ° Premio al Premio Rioplatense per le Arti Visive. Fondazione OSDE.

Premi principali: 2018 F.Bunge Award. XIV Sala dell’Arte Tessile. Museo J. Hernández. CABA 2014 Primo Premio Biennale di Arte Sacra. MUMBATandil and Municipal Arts Fund Grant. Premio per l’uguaglianza culturale 2013. Ministero della Cultura della Nazione.

La mano di Galileo                  febbraio 2019

La mano di Galileo aziona movimento con una trottola in vetro contenenti inchiostro.

Nel loro percorso circolare lasciano tracce di colori che permettono al genio scientifico di meditare sulla legge di gravità.

Il 22 giugno un grande murale sulla parete esterna della galleria Arti3160 è la testimonianza dell’esperienza e su un tavolo molte trottole sono disposte per consentire ai visitatori di eseguire la stessa prova.

Mediante l’azione gravitazionale delle trottole, il risultato verrà stampato su carta e, con gli inchiostri colorati, la traccia dei loro percorsi casuali.

“Libro Lapiz”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: